Gli Enti locali -Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web
Benvenuto nel sito
Cliccando su Registrare potrai registrarti gratuitamente, partecipare ai forum e scaricare gli allegati .
Se sei gia' registrato cliccando su Connessione potrai inserire la tua ID e la password e connetterti.
Se non vuoi piu' che questo messaggio compaia clicca su Non esporre piu' e potrai navigare nel sito come ospite .
Buona navigazione.
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Calcolo Irpef on line
http://www.irpef.info/

IMU e Cessione usufrutto

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

IMU e Cessione usufrutto

Messaggio  paolo m il Gio 1 Mar 2012 - 10:12

Buongiorno,
Sono usufruttuario al 50% della casa in cui abito ed ho la residenza. La nuda proprietà ed il restante 50% di usufrutto sono di mia figlia che ha la residenza altrove. Una cessione da parte di mia figlia del suo 50% di usufrutto a mia favore classificherebbe la mia abitazione come prima casa? Per la cessione di usufrutto occorre un notaio? Il valore catastale aggiornato (x1.05, x1.60) del 50% di mia figlia è di 200.000€: a quali spese andrei incontro?

Grazie

Paolo m

paolo m

Messaggi: 3
Data d'iscrizione: 01.03.12

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

usufrutto

Messaggio  Paolo Gros il Gio 1 Mar 2012 - 10:19

Intanto verifica
Art. 980 c.c

L'usufruttuario può cedere il proprio diritto per un certo tempo o per tutta la sua durata, se ciò non è vietato dal titolo costitutivo (1002, 1350 n. 2, 2643 n. 2, 2810).

Nello specifico , se possibile la cessione, l'usufruttuario e' il soggetto passivo Imu e nel caso come prima abitazione

Paolo Gros
Admin

Messaggi: 48903
Data d'iscrizione: 30.07.10

Vedere il profilo dell'utente http://paologros.oneminutesite.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMU e Cessione usufrutto

Messaggio  paolo m il Gio 1 Mar 2012 - 10:25

Paolo Gros ha scritto:Intanto verifica
Art. 980 c.c

L'usufruttuario può cedere il proprio diritto per un certo tempo o per tutta la sua durata, se ciò non è vietato dal titolo costitutivo (1002, 1350 n. 2, 2643 n. 2, 2810).

Nello specifico , se possibile la cessione, l'usufruttuario e' il soggetto passivo Imu e nel caso come prima abitazione
Grazie per la celere risposta. Hai per caso informazioni sulla necessità del notaio ed eventualmente un'idea dei costi?

Grazie.

Paolo m

paolo m

Messaggi: 3
Data d'iscrizione: 01.03.12

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Usufrutto

Messaggio  Paolo Gros il Gio 1 Mar 2012 - 10:31

Le norme di riferimento sono gli articoli 2643, comma 1, numero 5, e 2657, del Codice civile. La prima norma dispone che si devono trascrivere gli atti di rinuncia che abbiano ad oggetto diritti reali su beni immobili (qual è, appunto, la rinuncia al diritto di usufrutto su un appartamento). La seconda, richiede, ai fini della trascrizione nei Registri Immobiliari, l'atto pubblico o la scrittura privata autenticata. Per quanto riguarda, poi, le imposte indirette che si devono pagare a fronte di un atto di rinuncia, occorre verificare se per la rinuncia sia previsto un corrispettivo oppure no. Nell'ipotesi prospettata , trattandosi di padre e figlia, la risposta è verosimilmente negativa. Nel qual caso l'atto è gratuito e, come tale, soggetto alla disciplina dell'imposta di successione e donazione di cui al Dlgs 346/1990. Pertanto: trattandosi di rinuncia tra parenti in linea retta, l'aliquota è pari al 4% del valore dell'usufrutto, per il valore che oltrepassa la franchigia di un milione di euro; le imposte ipotecarie e catastali sono fisse (ciascuna pari a euro 168) se si tratta di prima casa, altrimenti sono rispettivamente pari al 2% e all'1% del valore (catastale) dell'usufrutto.

Paolo Gros
Admin

Messaggi: 48903
Data d'iscrizione: 30.07.10

Vedere il profilo dell'utente http://paologros.oneminutesite.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: IMU e Cessione usufrutto

Messaggio  paolo m il Gio 1 Mar 2012 - 10:39

Paolo Gros ha scritto:Le norme di riferimento sono gli articoli 2643, comma 1, numero 5, e 2657, del Codice civile. La prima norma dispone che si devono trascrivere gli atti di rinuncia che abbiano ad oggetto diritti reali su beni immobili (qual è, appunto, la rinuncia al diritto di usufrutto su un appartamento). La seconda, richiede, ai fini della trascrizione nei Registri Immobiliari, l'atto pubblico o la scrittura privata autenticata. Per quanto riguarda, poi, le imposte indirette che si devono pagare a fronte di un atto di rinuncia, occorre verificare se per la rinuncia sia previsto un corrispettivo oppure no. Nell'ipotesi prospettata , trattandosi di padre e figlia, la risposta è verosimilmente negativa. Nel qual caso l'atto è gratuito e, come tale, soggetto alla disciplina dell'imposta di successione e donazione di cui al Dlgs 346/1990. Pertanto: trattandosi di rinuncia tra parenti in linea retta, l'aliquota è pari al 4% del valore dell'usufrutto, per il valore che oltrepassa la franchigia di un milione di euro; le imposte ipotecarie e catastali sono fisse (ciascuna pari a euro 168) se si tratta di prima casa, altrimenti sono rispettivamente pari al 2% e all'1% del valore (catastale) dell'usufrutto.

Perfetto. Grazie mille per le informazioni. Provvederò a verificare gli articoli di cui sopra e in caso di ulteriori dubbi aggiungerò una nuova risposta all'argomento.

Grazie

Paolo m

paolo m

Messaggi: 3
Data d'iscrizione: 01.03.12

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

Permesso del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum