Gli Enti locali -Paolo Gros, Lucio Guerra e Marco Lombardi on web
Benvenuto nel sito
Cliccando su Registrare potrai registrarti gratuitamente, partecipare ai forum e scaricare gli allegati .
Se sei gia' registrato cliccando su Connessione potrai inserire la tua ID e la password e connetterti.
Se non vuoi piu' che questo messaggio compaia clicca su Non esporre piu' e potrai navigare nel sito come ospite .
Buona navigazione.
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Calcolo Irpef on line
http://www.irpef.info/

TARSU/TARES: distacco utenze per box e cantine

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

TARSU/TARES: distacco utenze per box e cantine

Messaggio  Marta_1984 il Lun 21 Ott 2013 - 20:22

Buonasera a tutti,
stasera il mio quesito riguarda l'esclusione alla Tarsu/tares per gli immobili vuoti e privi di utenze. Io ho sempre escluso abitazione e cantina/box collegati nel caso in cui il contribuente mi dimostrasse chiusura dei contratti delle utenze e dichiarasse che l'immobile è vuoto.
Un collega mi ha corretto dicendo che i box e le cantine continuano comunque a pagare perchè un locale deposito, specialmente in un piccolo comune di campagna, può essere utilizzato anche senza utenze. Un box per la macchina ancora di più.
Ma secondo me un contribuente,con seconda casa, che mi porta il distacco utenze per la casa perchè non viene più in villeggiatura o perchè aspetta di affittare la casa non deve pagare neanche il locale deposito collegato alla casa.
Il regolamento TARSU fa riferimento al 507/93 e parla di immobili, mentre per la TARES il regolamento non è ancora stato approvato, ma la bozza riporta un comma in cui si sottolinea che cantine e box prive di utenze non saranno escluse.
Io continuo a non esser convinta di questa cosa.

Marta_1984

Messaggi: 74
Data d'iscrizione: 17.10.13

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Tares

Messaggio  Paolo Gros il Mar 22 Ott 2013 - 7:42

chi inquina paga ma nel caso non vedo...l'inquinamento

Paolo Gros
Admin

Messaggi: 44900
Data d'iscrizione: 30.07.10

Vedere il profilo dell'utente http://paologros.oneminutesite.it/

Tornare in alto Andare in basso

Re: TARSU/TARES: distacco utenze per box e cantine

Messaggio  iadon il Mar 22 Ott 2013 - 8:52

Marta_1984 ha scritto:Buonasera a tutti,
stasera il mio quesito riguarda l'esclusione alla Tarsu/tares per gli immobili vuoti e privi di utenze. Io ho sempre escluso abitazione e cantina/box collegati nel caso in cui il contribuente mi dimostrasse chiusura dei contratti delle utenze e dichiarasse che l'immobile è vuoto.
Un collega mi ha corretto dicendo che i box e le cantine continuano comunque a pagare perchè un locale deposito, specialmente in un piccolo comune di campagna, può essere utilizzato anche senza utenze. Un box per la macchina ancora di più.
Ma secondo me un contribuente,con seconda casa, che mi porta il distacco utenze per la casa perchè non viene più in villeggiatura o perchè aspetta di affittare la casa non deve pagare neanche il locale deposito collegato alla casa.
Il regolamento TARSU fa riferimento al 507/93 e parla di immobili, mentre per la TARES il regolamento non è ancora stato approvato, ma la bozza riporta un comma in cui si sottolinea che cantine e box prive di utenze non saranno escluse.
Io continuo a non esser convinta di questa cosa.
Sentenza di Cassazione (TARSU) stabilisce che i box e cantine, prive di allacci, sono soggetti a tassazione.

iadon

Messaggi: 405
Data d'iscrizione: 20.01.12

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: TARSU/TARES: distacco utenze per box e cantine

Messaggio  Marta_1984 il Mar 22 Ott 2013 - 17:12

mmm......quindi??? Paga o non paga? Shocked avevo letto pure io che box e cantine pagano comunque, ma su una seconda casa sfitta o non frequentata dai villeggianti è giusto? Il criterio di chi inquina paga dove va a finire allora?

Marta_1984

Messaggi: 74
Data d'iscrizione: 17.10.13

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: TARSU/TARES: distacco utenze per box e cantine

Messaggio  Lucio Guerra il Mar 22 Ott 2013 - 20:40

paga

Lucio Guerra
Admin

Messaggi: 5899
Data d'iscrizione: 18.01.12
Località: federer resterà sempre il re del tennis

Vedere il profilo dell'utente http://servizi.cmcatrianerone.pu.it/canale.asp

Tornare in alto Andare in basso

Re: TARSU/TARES: distacco utenze per box e cantine

Messaggio  DanieleGE il Mer 23 Ott 2013 - 9:16

Marta_1984 ha scritto:mmm......quindi??? Paga o non paga? Shocked avevo letto pure io che box e cantine pagano comunque, ma su una seconda casa sfitta o non frequentata dai villeggianti è giusto? Il criterio di chi inquina paga dove va a finire allora?
Nel gabinetto e produce rifiuti lol! 

Purtroppo si paga...

DanieleGE

Messaggi: 436
Data d'iscrizione: 26.04.12
Età: 46

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: TARSU/TARES: distacco utenze per box e cantine

Messaggio  Marta_1984 il Mer 23 Ott 2013 - 15:05

DanieleGE ha scritto:
Marta_1984 ha scritto:mmm......quindi??? Paga o non paga? Shocked avevo letto pure io che box e cantine pagano comunque, ma su una seconda casa sfitta o non frequentata dai villeggianti è giusto? Il criterio di chi inquina paga dove va a finire allora?
Nel gabinetto e produce rifiuti lol! 

Purtroppo si paga...
ahahahahaha ok!!! lol! grazie mille!!!

Marta_1984

Messaggi: 74
Data d'iscrizione: 17.10.13

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Tarsu/tares cantine-box

Messaggio  rosettina il Mer 23 Ott 2013 - 15:32

"Sentenza di Cassazione (TARSU) stabilisce che i box e cantine, prive di allacci, sono soggetti a tassazione". Dove posso reperire la sentenza? Grazie.


rosettina

Messaggi: 99
Data d'iscrizione: 15.12.11

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: TARSU/TARES: distacco utenze per box e cantine

Messaggio  GEPI il Mer 23 Ott 2013 - 16:22

La più recente è questa che, addirittura, stabilisce che anche le abitazioni prive di urtenza devono pagare, in quanto "SUCETTIBILI" di produrre rifiuti.

Cass. civ. Sez. VI - 5, Ord., 24-07-2013, n. 18022
TRIBUTI LOCALI
Tassa rimozione rifiuti solidi
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE SESTA CIVILE
SOTTOSEZIONE T
Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. CICALA Mario - Presidente -
Dott. BOGNANNI Salvatore - Consigliere -
Dott. IACOBELLIS Marcello - Consigliere -
Dott. DI BLASI Antonino - Consigliere -
Dott. CARACCIOLO Giuseppe - rel. Consigliere -
ha pronunciato la seguente:
ordinanza
sul ricorso 3636-2012 proposto da:
COMUNE DI BOLOGNA (OMISSIS) in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA E. GIANTURCO 11, presso lo studio dell'avvocato COLLELUORI RITA, che lo rappresenta e difende, giusta mandato a margine del ricorso;
- ricorrente -
contro
C.C. (OMISSIS);
- intimato -
avverso la sentenza n. 126/8/2010 della Commissione Tributaria Regionale di BOLOGNA del 13.10.2010, depositata il 22/12/2010;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del 26/06/2013 dal Consigliere Relatore Dott. GIUSEPPE CARACCIOLO;
udito per il ricorrente l'Avvocato Annunziata DAndrea (per delega avv. Rita Colleluori) che si riporta agli scritti;
E' presente il Procuratore Generale in persona del Dott. IMMACOLATA ZENO che ha concluso per l'accoglimento del ricorso.
Svolgimento del processo - Motivi della decisione
La Corte:
ritenuto che, ai sensi dell'art. 380 bis cod. proc. civ., è stata depositata in cancelleria la seguente relazione: Il relatore cons. Giuseppe Caracciolo, letti gli atti depositati Osserva:
Il Comune di Bologna propone ricorso per cassazione avverso la sentenza della Commissione tributaria regionale di Bologna n. 332-10- 2007, con la quale - in controversia concernente cartella di pagamento per omesso versamento da parte di C.C. di Tarsu per l'anno 2005, in relazione all'immobile di sua proprietà sito in Bologna - è stato respinto l'appello dell'Amministrazione avverso la sentenza n. 332-10-2007 della CTP di Bologna che aveva accolto il ricorso in impugnazione, sicchè il provvedimento è risultato integralmente annullato. La sentenza impugnata ha ritenuto che -dato atto che il contribuente aveva presentato in data 26.7.2006 denuncia di cessazione e considerato che la TARSU ha natura di corrispettivo di un servizio prestato, sicchè la mancata produzione di rifiuti non può essere ininfluente ai fini della tassabilità - il contribuente aveva documentato di avere cambiato residenza in epoca antecedente al periodo di riferimento (documentando pure di non avere prodotto consumi effettivi per le utenze a servizio dell'appartamento in questione) e che la denuncia di cessazione del 2006 era stata preceduta da diversi tentativi di ottenere dal comune la detassazione del bene, sicchè si doveva ritenere integrata la prova relativa alla concreta inidoneità del bene a produrre rifiuti.
L'Amministrazione comunale ha proposto ricorso affidandolo a due motivi. La parte contribuente non si è difesa.
Il ricorso - ai sensi dell'art. 380 bis c.p.c. assegnato allo scrivente relatore - può essere definito ai sensi dell'art. 375 c.p.c..
Il ricorso appare fondato e se ne propone l'accoglimento.
Ed infatti con il secondo motivo (incentrato sulla violazione del D.Lg. n. 507 del 1993, artt. 62 e 64 più liquido e da privilegiare rispetto al motivo precedente, peraltro formulato in termini chiaramente contrari al canone di autosufficienza del ricorso per cassazione, che non può essere surrogato dalla riproduzione in fotocopia degli atti dei precedenti gradi di giudizio) la parte ricorrente si duole della violazione delle norme che identificano il presupposto dell'imposizione nella "occupazione o detenzione di locali ed aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti".
Dando rilevanza all'avvenuto trasferimento della residenza anagrafica (ed alla concreta idoneità del bene a produrre rifiuti, siccome desumibile per presunzione dal mancato consumo delle erogazioni di energia) il giudice del merito ha chiaramente violato le norme che disciplinano il presupposto dell'imposta qui in considerazione, così come sono interpretate dalla costante giurisprudenza di questa Corte.
Si veda, per tutte, Cass. Sez. 5, Sentenza n. 21508 del 07/11/2005:
"In tema di tassa per l smaltimento dei rifiuti solidi urbani, ai sensi del R.D. 14 settembre 1931, n. 1175, artt. 268, 269 e 270 (applicabile "ratione temporis"), i Comuni devono istituire una apposita tassa annuale su base tariffaria che viene a gravare su chiunque occupi o conduca i locali, a qualsiasi uso adibiti, esistenti nelle zone del territorio comunale in cui i servizi sono istituiti. Tale tassa è dovuta indipendentemente dal fatto che l'utente utilizzi il servizio, salva l'autorizzazione dell'ente impositore allo smaltimento dei rifiuti secondo altre modalità, purchè il servizio sia istituito e sussista la possibilità della utilizzazione, ma ciò non significa che, per ogni esercizio di imposizione annuale, la tassa è dovuta solo se il servizio sia stato esercitato dall'ente impositore in modo regolare, così da consentire al singolo utente di usufruirne pienamente".
Alla luce di tali principi, non resta che concludere che la pronuncia appellata merita la cassazione, sicchè poi la Corte potrà provvedere anche nel merito (rigettando l'impugnazione di parte contribuente che non appare sorretta da altri argomenti che quelli valorizzati dal giudice di appello) non risultando necessario acclarare ulteriori elementi di fatto.
Pertanto, si ritiene che il ricorso possa essere deciso in camera di consiglio per in manifesta fondatezza.
Roma, 30 gennaio 2013.
che la relazione è stata comunicata al pubblico ministero e notificata agli avvocati delle parti;
che non sono state depositate conclusioni scritte, nè memorie;
che il Collegio, a seguito della discussione in camera di consiglio, condivide i motivi in fatto e in diritto esposti nella relazione e, pertanto, il ricorso va accolto;
che le spese di lite possono essere regolate secondo il criterio della soccombenza.
P.Q.M.
La Corte accoglie il ricorso. Cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel merito, rigetta il ricorso del contribuente avverso il provvedimento impositivo. Condanna la parte contribuente a rifondere le spese di lite di questo grado, liquidate in Euro 400,00 oltre Euro 100,00 per esborsi e compensa tra le parti le spese dei gradi di merito.
Così deciso in Roma, il 26 giugno 2013.
Depositato in Cancelleria il 24 luglio 2013

GEPI

Messaggi: 858
Data d'iscrizione: 19.10.10

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

Permesso del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum